“Senza passare dal Via. L’industria nella Sardegna Centrale” di Antonio Sanna e Umberto Siotto. Venerdì 24 Febbraio ore 17

Venerdì 24 febbraio alle ore 17, presso la nostra sede, l’Associazione Nino Carrus in collaborazione con il Centro e il Cineforum “Il Posto delle fragole” ha organizzato la proiezione del film documentario dal titolo “Senza passare dal Via. L’industria nella Sardegna Centrale” dei registi nuoresi Antonio Sanna e Umberto Siotto, prodotto da Arkaosfilm & Kinamour. Saranno nostri ospiti gli autori e il direttore della Cineteca Sarda Antonello Zanda.

Il film, come dice il sottotitolo, è la storia dell’industria della Sardegna Centrale raccontata attraverso le testimonianze dirette dei protagonisti di allora, politici, amministratori locali, operai e sindacalisti, con immagini dell’epoca e dei nostri giorni, alcune delle quali recuperate grazie al prezioso contributo della Cineteca Sarda. “Il film/inchiesta – hanno dichiarato gli autori – non vuole essere un processo, ma vuole offrire ulteriori elementi di riflessione sul processo di industrializzazione dell’epoca che diede risposte immediate per risolvere alcuni problemi del territorio ma non gettò le fondamenta per uno sviluppo economico e sociale delle zone interne dell’isola come inizialmente venne proposto.”
Con la proiezione e la presentazione di questo film si conclude (questa è la terza iniziativa) la fase di analisi sulla complessità del processo industriale che ha caratterizzato la storia economica e sociale della Sardegna Centrale dagli anni sessanta in poi, con uno sguardo rivolto non solo al passato ma soprattutto alla Sardegna di oggi e di domani.
L’Associazione Nino Carrus ha voluto iniziare questa analisi con la presentazione – 6 maggio 2016 – del libro di Salvatore Mura dal titolo “Pianificare la modernizzazione. Istituzioni e classe politica in Sardegna (1959/1969)”- e con un incontro dibattito a cui hanno partecipato l’assessore regionale all’Industria Maria Grazia Piras, Pietrino Soddu, già Presidente della Regione, Ignazio Ganga, allora esponente della Segreteria regionale della Cisl. Il libro, di grande interesse storico e culturale, si concentra sul periodo che va dal 1959 al 1969 dominato dall’intervento straordinario del Piano di Rinascita.
Con la proiezione del film – 10 giugno 2016 – “L’ultimo pugno di terra” di Fiorenzo Serra si è continuato ad approfondire la storia economica, sociale e politica della Sardegna degli anni sessanta e settanta, grazie anche al dibattitto a cui hanno partecipato tre qualificati relatori: Prof. Manlio Brigaglia, Prof. Gianfranco Bottazzi e Dottor Antonello Zanda.
Tre date, tre documenti, tre diverse fonti di ricerca, tanti interpreti per leggere e capire questa storia che ha segnato, in positivo e in negativo, la vita di tante popolazioni delle nostre zone interne della Sardegna; tre diversi momenti per ragionare e riflettere, soprattutto, sul nuovo modello di sviluppo che dovrà caratterizzare il futuro della nostra Isola.
(Dal comunicato dell’Associazione Nino Carrus)

 

Seguici su: